Warning: ftp_mkdir() expects parameter 1 to be resource, null given in /var/www/its.mct8/www/wp-admin/includes/class-wp-filesystem-ftpext.php on line 539

Warning: ftp_mkdir() expects parameter 1 to be resource, null given in /var/www/its.mct8/www/wp-admin/includes/class-wp-filesystem-ftpext.php on line 539

Il bambino di 9 anni è affetto da una malattia per la quale servono fondi per la ricerca «Sostenete Una vita rara»
I genitori di Denis, affetto dall’Ahds, hanno lanciato un appello ai clarensi

E’ una vita rara la sua, proprio come il nome dell’associazione che la mamma e il papà, a gran voce, chiedono di sostenere. Denis Balint è un bambino come tanti, ma anche uno su duecento. Il 26 novembre compirà 9 anni e fin da piccolo è affetto da una rarissima malattia, la Ahds, acronimo di Allan Herndon Dudley, che colpisce gli arti e il cervello nei soggetti di sesso maschile. Conduce una vita normale, tra la scuola, le vacanze e tante gite, ha un sorriso incredibile e trasmette forza a mamma e papà, Adrian e Ana-Maria, di origini romene, che non lo lasciano mai solo. Ma allo stesso tempo ha bisogno che la ricerca vada avanti, necessita che vengano portate alla luce nuove scoperte in grado di migliorare la sua vita e quella delle altre persone come lui. E una è proprio qui vicino: a Monticelli Brusati c’è infatti un altro bambino affetto dalla stessa malattia.

Si chiama Davide Boniotti, ha 16 anni ed è grazia a lui che è nata l’associazione Una vita rara. Il piccolo è stato adottato quando aveva solo 26 giorni ed è stato complicatissimo scoprire da quale malattia fosse affetto.

«Vogliamo che i nostri concittadini clarensi conoscano questa realtà – ha spiegato Adrian – E’ un’associazione che lavora tanto e soprattutto per il bene dei nostri bambini. La ricerca ha bisogno di fondi costanti e tramite le raccolte, aderendo ai vari progetti proposti è possibile dare una mano concreta. In futuro, se tutto va bene, si potrebbero fare significativi passi avanti per la vita di Denis e delle altre persone che soffrono di questa malattia».

> Scarica l’articolo completo