Warning: A non-numeric value encountered in /var/www/its.mct8/www/wp-content/themes/Divi/functions.php on line 5837

PRIME INDICAZIONI SULL’USO DEL FARMACO TRIAC

ORLANDO, Florida – I pazienti con sindrome di Allan-Herndon-Dudley (AHDS), estremamente rara, malattia legata al cromosoma X che causa da moderata a grave disabilità e problemi di movimento intellettuale, mostrano un significativo miglioramento in triiodotironina totale (T3) livelli in risposta al trattamento con l’acido T3 analogico triiodothyroacetic (triac), secondo una nuova ricerca.

“I nostri risultati preliminari mostrano che il trattamento Triac riduce rapidamente-ormone stimolante la tiroide [TSH] e successivamente riduce T3 sierico e tiroxina libera livelli (T4), e in tutti i pazienti, siamo stati in grado di portare i livelli di T3 in valori normali”, ha spiegato il coautore Stefan Groeneweg, un dottorato di ricerca e MD candidato a Rotterdam Tiroide Center, Erasmo, Paesi Bassi.

“Abbiamo anche potuto osservare i primi effetti benefici presunti sul fenotipo periferico”, ha osservato, che comprendeva soprattutto l’aumento di peso.

I dati preliminari dello studio Triac qui riportati sono stati illustrati l Congresso Internazionale sulla Tiroide 2015 della American Thyroid Association (ITC / ATA).
Il Dott. Groeneweg descritti risultati impressionanti visti nei primi 15 pazienti di un nel corso di un anno.

Alla richiesta di commentare, Heike Heuer, PhD, dell’Istituto Leibniz per Age Research-Fritz Lipmann Institute, Jena, Germania, che ha condotto una ricerca sui topi Triac, convenuto che i risultati attuali sono impressionanti.

“I risultati sono abbastanza incoraggianti e indicano che il trattamento triac è infatti riuscito a normalizzare i parametri tiroide-ormone dispari dei pazienti AHDS”, ha detto il dottor Heuer a Medscape Medical News.

I pazienti hanno guadagnato peso con Triac

Oltre ad avere disabilità neurocognitive compresi ipotonia assiale (testa a caduta) e progressiva spasticità con gravi ritardi di sviluppo, i pazienti con AHDS – che sono di solito sempre di sesso maschile – in genere hanno anche test della tiroide-funzione siero anormale, tra cui bassa normale T4, alto T3, e TSH normale-alta.

La condizione è nota per essere causata da mutazioni nel trasportatore MCT8 tiroide-ormone (noto anche come il gene SLC16A2, il signor Groeneweg spiegato. Al momento, nessun trattamento efficace è disponibile, ma il dottor Groeneweg ha riportato che il triac “sembra essere un farmaco candidato ideale per AHDS, che entra nella cellula bypassando MCT8, e una volta all’interno della cellula agisce ed è metabolizzato come T3. ”

Egli ha osservato che triac è anche interessante perché esiste già una significativa esperienza clinica in grandi e piccini nel trattamento della resistenza all’ormone tiroideo.

Il farmaco è usato in Francia per la terapia della resistenza all’ormone tiroideo e la terapia adiuvante del cancro alla tiroide, ma non è approvato per l’uso negli Stati Uniti o in Canada, dove sono stati emessi avvisi nel 1990 per quanto riguarda il suo utilizzo e la commercializzazione come un aiuto di perdita di peso .

Nel nuovo studio, i pazienti hanno tutti AHDS con gravi disturbi nello sviluppo neuropsicologico, così come i problemi con riflessi primitivi, riflessi tendinei elevati, distonia, e ipotonia centrale; si va in età da 8 mesi a 66 anni.

Dopo il trattamento in una fase di aumento della dose per una media di 6 mesi, con dosi di 350-1400 mg / die (12-40 mg / kg) di triac, i pazienti hanno mostrato una significativa soppressione dei livelli di TSH (riduzione media 3,1-0,9 mU / L; p = 0,003), che ha portato a una riduzione rapida e sostanziale T3 (4,4-2,0 nmol / L; p = 0,003).

I miglioramenti sono stati osservati anche nei livelli di fosfatasi alcalina, indicando la salute delle ossa (p = 0,028); globulina ormoni sessuali vincolante (SHBG), un proxy per la funzione epatica (p = 0,062); e della creatinina, indicativo di rene e muscolo di funzione (P = 0,005).

Quasi tutti i pazienti presentati con tachicardia, con frequenza cardiaca superiore a 100 battiti al minuto (bpm), la quale è scesa da 80 a 90 bpm dopo il trattamento, il signor Groeneweg detto.

E i pazienti sotto i 20 anni hanno mostrato un aumento di peso, che è stato notevole a causa della perdita di peso notevole che si verifica con AHDS, ha aggiunto.

“Per vedere i pazienti di età inferiore ai 20 aumentare di peso è stato forse l’osservazione più importante che abbiamo visto finora”, ha detto Groeneweg. “C’è stato un cambiamento di peso medio di circa il 20% già in soli 6 a 9 mesi di trattamento, che è un enorme miglioramento.”

Dr Heuer osservato: “In particolare, l’aumento del peso corporeo durante il breve periodo di tempo di trattamento è un segnale molto promettente, i pazienti di solito hanno difficoltà con aumento di peso a causa dei livelli sierici di T3 che produce effetti di tireotossicosi.”

Il dottor Heuer anche presentato la ricerca in occasione della riunione che mostra un modello di topo per AHDS che ha risposto al trattamento Triac nelle prime 3 settimane di vita ha avuto sviluppo cerebrale normalizzato e aveva anche carenze locomotori normalizzati. Dr Heuer notato, tuttavia, vi sono preoccupazioni sicuro sul trattamento nell’uomo che devono essere ulteriormente valutato.

“Una delle principali preoccupazioni è certamente la questione se il trattamento triac porterebbe a una tachicardia. Sulla base dei dati attuali dei pazienti, tuttavia, questo tipo di effetto collaterale non è stato osservato.”

Un paziente ha abbandonato del processo a causa della non conformità; senza effetti collaterali sono stati segnalati in nessuno dei pazienti, il signor Groeneweg detto.

Risultati incoraggianti, ma rimane molto lavoro da fare.

Con lo studio in corso, i primi risultati sono promettenti, ha osservato coautore Edward Visser, MD, PhD, anche di Rotterdam tiroide Center.

“Il nostro studio ha una fase di dose escalation e già con la dose più bassa, vi è una diminuzione dei livelli di T3”, ha detto a Medscape Medical News. “I miglioramenti nei livelli di T3 sono certo quello che ci aspettavamo.”

Ha ammonito, tuttavia, che sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio i veri vantaggi della terapia: “Anche se i risultati provvisori sono incoraggianti, vorrei sottolineare che dobbiamo attendere la valutazione finale e completa.

“Inoltre, vorremmo sottolineare l’importanza di collaborazione globale con le malattie rare al fine di ottenere la diagnosi uniforme, la terapia e la gestione dei pazienti affetti da malattie rare”, ha aggiunto.

Se gli effetti positivi sono confermati nel processo in corso, i ricercatori hanno in programma di ampliare la ricerca per aTriac Trial II, che mira a costruire su queste collaborazioni internazionali e guardare potenziali miglioramenti neurocognitivi con il trattamento.

La fattibilità di tali miglioramenti neurocognitive è attualmente difficile da prevedere, il dottor Visser osservato.

“Anche se lo sviluppo del cervello è probabilmente già disturbato in utero, si potrebbe anche aspettare qualche catch-up in fase di sviluppo dopo la nascita se si inizia un trattamento Triac,” ha spiegato. “Il trattamento triac anteriore è iniziata, la più probabile è che gli effetti benefici possono essere osservati.”

In ultima analisi, tuttavia, il trattamento triac non sarà probabilmente non rappresentano la risposta finale per AHDS, il dottor Visser ha detto.

“In teoria, la terapia genica o la riparazione del gene in una fase molto precoce, in utero, sarebbe la terapia ideale. Tuttavia, le possibilità sono ancora lontanie dall’applicazione umana.

Ma per ora, crediamo triac può essere una ragionevole opzione”.
Lo studio ha ricevuto finanziamenti da ZonMw: L’Organizzazione olandese per la ricerca Salute e lo Sviluppo.